LA FISIOTERAPIA SU MISURA A RAVENNA 33: DUE SEDI UNA FILOSOFIA

La Fisioterapia di Ravenna 33 coordina il dipartimento fisioterapico del Polo Sanitario di S. Teresa, attualmente in fase di crescita. In marzo, sono stati aperti i nuovi locali che sono più integrati con il resto delle attività della struttura. L’obiettivo, infatti, è quello di una Fisioterapia ancora più vicina a tutti i medici ortopedici che verran­no a fare le visite anche da Ravenna 33, oltre che di garantire un’efficacia ancora maggiore nel trat­tamento dei pazienti.

«Il paziente è sempre al centro del nostro trattamento riabilitativo – dice la responsabile Francesca Castagnoli – . La collega Rosa e io abbiamo diverse specializzazioni ma ci occupiamo di tutti i tipi di pazienti a livello sia ortopedico che neurologico, di tutte le fasce d’età. Oggi come oggi, la figura del fisioterapista è sempre più importante sia nella società gra­zie al riconoscimento delle singole persone sia in ambito medico-professionale dove tale figura ha acquisito maggiore autonomia e responsabilità. Per questo ci stiamo impegnando a fare una fisioterapia sempre aggiornata alle mag­giori evidenze scientifiche, sia in ambito ortopedico che neurologi­co, per dare un buon servizio ai nostri pazienti». La collaborazione con il Polo risale al 2014 per Rosa Lanfranco. «Inizialmente mi occupavo della degenza – racconta –. Poi, grazie alle mia specia­lizzazioni in rieducazione posturale metodo Mézières e in linfodre­naggio con tecnica Vodder, ho cominciato a occuparmi dei pazienti esterni con i quali ho instaurato un bel rapporto anche confidenzia­le. Negli ultimi anni, sempre più persone si avvicinano alla figura del fisioterapista nell’ottica di perseguire il benessere e di prevenire certe patologie che possono sopraggiungere con gli anni».